Home Notizie Il Parco e le Valli dell’Antola in difesa del castagneto
Il Parco e le Valli dell’Antola in difesa del castagneto PDF Print E-mail
Written by Parco dell'Antola   
Thursday, 15 May 2014 06:01

Parco dell'Antola
COMUNICATO STAMPA

CinipideCome noto, i castagneti delle valli dell’entroterra da alcuni anni sono infestati da un piccolo insetto parassita, il Cinipide, che colpisce gli alberi di castagno nidificando in “galle” situate nei germogli, di cui provoca il progressivo deperimento. In Liguria si registra la presenza di questo parassita delle piante dal 2007; fin dall’anno successivo il Settore Fitosanitario della Regione Liguria ha messo in atto un’azione divulgativa, compiuto sopralluoghi, e attuato le prime misure di lotta biologica al Cinipide, basate su esperienze condotte in Giappone e Corea e, in Italia, in Piemonte, la prima regione ad essere colpita. Il progetto di lotta biologica è fondato sulla diffusione dell’imenottero parassitoide Torymus sinensis (fam.Torimidi), che ha dato risultati sensibili ed è risultato privo di conseguenze indesiderate, in quanto le sue larve si nutrono delle uova del Cinipide ma non risultano aggressive verso altre specie.Già dal 2013 il Parco dell’Antola ha collaborato con il Servizio Fitosanitario della Regione Liguria per i primi lanci del Torymus nelle valli dell’Antola e nello scorso mese di settembre, vista la forte aspettativa che questi lanci hanno generato in coloro che hanno a cuore i boschi liguri, ha organizzato un incontro pubblico che, attraverso una grande partecipazione, ha confermato la speranza della popolazione di vedere risolta questa malattia dei castagni.Cinipide
Il Parco dell’Antola ha deciso di impegnarsi fattivamente alla soluzione di questo problema,e ed ha deciso di impegnare propri fondi per l’acquisto di 36 colonie all’anno per tre anni, di Torymus che a partire dai prossimi giorni verranno immesse nei castagneti dei Comuni del Parco. Numerose le collaborazioni: l’Ambito Territoriale di Caccia GE1 ha raccolto i fondi per ulteriori 29 lanci, il comune di Davagna, grazie ai cacciatori e alla Proloco ne ha acquistati altri 10 e la Pro Loco di Valbrevenna, attraverso una raccolta fondi realizzata grazie ad una mostra di pittura per bambini, ne ha potuto acquistare un altro.
Il Parco e l’ATC si sono accordati per razionalizzare i lanci, in modo da coprire in modo quanto più uniforme possibile il territorio.
In questi giorni gli insetti giungeranno a destinazione e verranno “lanciati” nei castagneti del Parco, iniziando dalle quote più basse per salire gradatamente a quelle superiori.
Questo sforzo congiunto di Regione, Parco, ATC e alcuni Comuni e Pro Loco, protratto per 3 anni consecutivi, dovrebbe consentire, nell’arco di 5-6 anni, di risolvere il problema stabilendo una situazione di equilibrio, come è successo già altrove, particolarmente in Piemonte, e contribuendo in modo determinante a salvare i castagneti delle valli dell’Antola.

Cinipide
Cinipide

Il Parco dell’Antola si mette a disposizione degli operatori della Stampa che desiderassero assistere ai lanci, pregandoli di richiedere preventivamente e tempestivamente la partecipazione al seguente recapito:
This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it , tel.010.944175

Il Parco dell'Antola ha realizzato un breve video illustrativo dei recenti rilasci di Torymus sinensis nei castagneti dei Comuni del Parco nell'ambito della lotta al Cinipide.
Il video è scaricabile al seguente link:
https://www.youtube.com/watch?v=SM0LUG4907w

Cordiali saluti

Torriglia, 30 aprile 2014
Il Presidente
Roberto Costa

 

Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per offrirti un servizio migliore. Per saperne di piu sui cookie che utilizziamo e come eliminarli , vedere la nostra Informativa sui cookies.

Accetto i cookie da questo sito .

EU Cookie Directive Module Information