Home Notizie Bruciare sterpaglie non sarà più un reato, Coldiretti ha vinto la sua battaglia
Bruciare sterpaglie non sarà più un reato, Coldiretti ha vinto la sua battaglia PDF Print E-mail
Written by www.meteorivieraligure.it   
Sunday, 20 July 2014 00:00

Sterpaglie

Finalmente bruciare rami ed erba non sarà più reato. Fino alla fine di Giugno era considerato reato penale disciplinato dall’articolo 256 bis del decreto legislativo n. 152 del 2006. La legge prevedeva l’arresto da tre mesi a un anno o l’ammenda da 2.600 a 26mila euro in caso di “rifiuti non pericolosi”, come appunto quelli derivanti dalle attività agricole di pulizia e potatura. Coldiretti ha finalmente vinto la sua battaglia contro questa assurda normativa.
“La manutenzione dei terreni privati sarà finalmente disciplinata in maniera sansata – spiega Germano Gadina, presidente di Coldiretti. E’ giusto distinguere la combustione controllata di rifiuti organici, pratica consuetudinaria in Liguria ed ora finalmente legale, rispetto alle gestioni illecite di materiali nocivi e pericolosi che dovranno essere fortemente sanzionate”.
Per bruciare il materiale organico in sicurezza e nel rispetto della norma, Coldiretti chiede lo svolgimento delle attività sul luogo di produzione e il controllo del fuoco fino al suo spegnimento; i cumuli, di dimensione limitata, devono essere bruciati ad almeno 20 metri dagli edifici e a 50 metri da autostrade e ferrovie.
Infine, la combustione del materiale (non più di tre metri steri per ettaro, cioè circa tre metri cubi di legno) è vietata nelle giornate di forte vento o a rischio incendio e nei periodi in cui è proclamata la massima allerta incendi.

http://www.meteorivieraligure.it (20/07/2014)

 

Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per offrirti un servizio migliore. Per saperne di piu sui cookie che utilizziamo e come eliminarli , vedere la nostra Informativa sui cookies.

Accetto i cookie da questo sito .

EU Cookie Directive Module Information