Home Notizie Fermiamo l'olocausto degli ulivi del Salento!
Fermiamo l'olocausto degli ulivi del Salento! PDF Print E-mail
Written by Administrator   
Friday, 01 May 2015 21:33

Il Consorzio della Quarantina ha deciso di dare il proprio appoggio a questa iniziativa:

La situazione è grave, è iniziato l'abbattimento degli ulivi in Salento. La Puglia rischia di essere sfigurata e di essere oggetto di un'ecatombe ecologica, come definita dai medici per l'Ambiente (comunicato a seguire) e una devastazione socio-economica nonché uno sfregio culturale.
C'è un grande fermento e una grande mobilitazione, dobbiamo FERMARE questa follia.
il  Comitato pugliese "Acqua Bene Comune" propone la richiesta di MORATORIA che vogliamo condividere con tutti quanti associaizoni/singoli ecc. 
che ne dite? ci attiviamo tutti insieme?

 

Margherita

FERMIAMO l’OLOCAUSTO degli ULIVI DEL SALENTO!

            La xylella fastidisiosa” è il batterio ritenuto responsabile dalle autorità governative del disseccamento degli ulivi. Tale batterio sarebbe diffuso attraverso un insetto vettore chiamato “sputacchina”. Il piano del Commissario Siletti (il cui intervento è stato richiesto dalla Regione Puglia) al fine di contrastare la diffusione del batterio, prevede:
-          l’abbattimento di “tutte le piante infette e di tutte le piante che presentano sintomi tali da indicare la possibile infezione da parte di tale organismo e tutte le piante che sono state individuate come probabilmente contagiate” (DEM 2777/201, all. 3, sez. II ).
-          nonché l’eliminazione di tutte le piante ospiti presenti in alberature stradali, spartitraffico, fossi, canali, aree verdi, ecc. (DM 2777/2014, art. 10). E nella zona di eradicazione si aggiunge “l’ eliminazione di tutte le piante infette o ritenute tali sulla base di ispezioni visive che mostrano sintomi ascrivibili a Xylella fastidiosa senza alcun esame analitico”.
-          I trattamenti insetticidi per il controllo degli insetti vettori accertati o potenziali da effettuarsi sulle piante di olivo/fruttiferi/ornamentali, nonché sulla macchia mediterranea, siepi, bordure, muretti a secco, superfici incolte che ospitano gli insetti (DDS 10/2015).

Lunedì 13 aprile è partito il Piano con i primi abbattimenti a Oria (BR). Se il Piano sarà portato a termine si consumerebbe l’OLOCAUSTO degli ULIVI e dell’ecosistema SALENTINO, la microfauna sarebbe sterminata, le falde acquifere ulteriormente inquinate con ripercussioni sulla catena alimentare e gravi conseguenze per la salute pubblica, l’economia locale distrutta (la Puglia detiene il primato per produzione di olio ed è fra le prime regioni per l’agricoltura biologica). Il Paesaggio sarebbe sfigurato e il Salento si trasformerebbe in una pianura piatta e spoglia.
A oggi
-          non c’è certezza scientifica che la xylella sia responsabile del disseccamento. Anzi, alcuni studi commissionati dall’Unione Europea indicano come responsabile del disseccamento delle piante i funghi (relazione dell’audit condotta dalla Commissione Europea nel febbraio 2014 pagina 7 dell’audit);  
-          l’evidenza empirica mostra la ripresa di circa 500 ulivi in seguito alla somministrazione di rame e calce che hanno eliminato i funghi (circostanza questa, fra le altre, che lascia pensare che il batterio in questione possa essere endemico alle piante e attivarsi solo nelle situazioni di forte stress delle stesse);
-          la Procura di Lecce ha aperto un fascicolo di indagine per indagare sulle cause piuttosto oscure della diffusione di tale batterio;
-          l’Unione Europea NON obbliga l’abbattimento degli alberi né l’avvelenamento della terra (ma di sradicare il batterio e salvaguardare le piante ospiti)

 

Pertanto, e appellandoci
al principio di ragionevolezza delle culture mediterranee
al principio di certezza scientifica
al principio di precauzione stabilito dall’Unione Europea

chiediamo una MORATORIA IMMEDIATA necessaria

-          per poter avere certezza scientifica prima di agire
-          per poter estendere l’esperimento di intervenire sui funghi per risanare la pianta
-          per trovare soluzioni che non siano peggio del male e che non portino alla strage ecologica.

Per sottoscrivere la richiesta di moratoria invia un’email a: This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it

Comitato pugliese “Acqua Bene Comune”

DISSECCAMENTO RAPIDO DEGLI ULIVI SALENTINI. Una cura peggiore del male?
7 aprile 2015 alle ore 20.11
Gli splendidi ulivi pugliesi e la salute dei residenti meritano certamente più attenzione scientifica di quella che la politica sta concedendo loro con decisioni superficiali, probabilmente inutili e di certo dannose per l'ambiente e per la salute umana. Per questo ISDE Italia, Medicina Democratica e Pesticide Action Network (PAN Italia) propongono, congiuntamente, il seguente comunicato stampa:
Il problema della sindrome da disseccamento rapido degli ulivi del Salento rischia di trasformarsi in un’autentica ecatombe ecologica con preoccupanti risvolti sanitari se si persisterà nella logica da “guerra totale” che anima il piano operativo messo a punto dal Commissario di Governo.
Tutto il piano parte dal presupposto che la causa del disseccamento rapido che affligge gli ulivi della provincia di Lecce risieda nel batterio patogeno Xylella fastidiosa, che è stato isolato ed identificato nei campioni prelevati da olivi colpiti dalla malattia. Questo batterio è trasportato da insetti vettori che, nel caso pugliese, non sono ancora stati identificati con certezza.
La Xylella fastidiosa è un batterio che colpisce i vasi linfatici della pianta ospite, ostruendoli. Finora era noto come un patogeno diffuso soprattutto nel continente americano, capace di produrre malattie nella vite (malattia di Pierce), negli agrumi, in piante ornamentali ed altro, ma non in Europa, dove, a parte rari episodi occasionali, subito debellati, non era mai stato segnalato in precedenza, men che meno sull'ulivo; su quest’ultima pianta la presenza del batterio, segnalata in California, non aveva mai rilevato patogenicità significativa, neanche in esperimenti di inoculo artificiale in laboratorio.
C’è da dire inoltre che, assieme alla Xylella, negli ulivi affetti da sindrome di disseccamento rapido in Puglia è stata documentata la presenza di diversi ceppi fungini, tra i quali i funghi tracheomicotici, cioè funghi che bloccano il passaggio dei nutrienti ai rami degli alberi, come accade nella vite colpita dal “mal dell’esca” (escariosi), dovuto al medesimo complesso fungino. Di per sé la sola presenza di questi funghi potrebbe quindi giustificare il disseccamento degli ulivi, ed è plausibile quanto sostenuto da fonti autorevoli, inclusa l’Accademia dei Georgofili, ossia che la Xylella potrebbe essere, al più, una concausa del disseccamento rapido o addirittura, potrebbe non avere alcun ruolo causale rilevante.
Per questo le misure previste dal Piano elaborato dal Commissario Governativo potrebbero rivelarsi non solo inutili, ma addirittura controproducenti, con gravi ricadute sugli ecosistemi dell’area e sulla salute dei residenti. Tali misure comprendono,tra l’altro, l’eradicazione delle piante e trattamenti fitosanitari obbligatori con insetticidi - da effettuare a calendario anche coattivamente, ove necessario - per il controllo degli insetti vettori potenzialmente infettanti tanto nelle zone infette quanto nella zona cuscinetto e perfino nella zona con funzione di cordone fitosanitario. Preoccupazioni per le conseguenze ambientali di tali misure sono state espresse a diversi livelli, tra cui è da segnalare quanto scritto dall’EFSA: “L’uso intensivo di trattamenti insetticidi per limitare la trasmissione della malattia e il controllo dell’insetto vettore può avere conseguenze dirette e indirette sull’ambiente, modificando intere catene alimentari con conseguenze a cascata, a vari livelli trofici. Ad esempio, si guarda con grande preoccupazione all’attuale impatto indiretto dei pesticidi sull’impollinazione. A ciò si aggiunga che i trattamenti insetticidi su larga scala costituiscono rischi per la salute umana e animale” (European Food Safety Authority (EFSA), Scientific Opinion on the risk to plant health posed by Xylella fastidiosa  in the EU territory, with the identification  and evaluation of risk reduction options – EFSA Journal 2015; 13 (1): 3989).
A fronte di questa carenza sulle cause e sulle dinamiche dell'infestazione, le preoccupazioni relative all’impatto sulla salute di un simile approccio sono ancor più gravi, sia per gli effetti diretti che per quelli indiretti ed a lunga scadenza; l’elevata densità di popolazione del territorio interessato dai provvedimenti, la presenza di colture alimentari già soggette ad una forte pressione fitosanitaria con conseguente elevato rischio di grave contaminazione della catena alimentare, la forte commistione tra aree urbanizzate ed aree interessate dalle colture soggette ai trattamenti, sono tutti fattori che espongono la popolazione residente a rischi per la salute inaccettabili.
Precedenti esperienze di infezione da xylella in altre specie vegetali hanno dimostrato che la rimozione delle piante non sarebbe una soluzione efficace, principalmente a causa della presenza del patogeno nelle aree limitrofe. Inoltre, anche nei casi di infezione certamente riconosciuta come fattore causale, in altre specie vegetali sono state proposte soluzioni alternative all’uso (solo parzialmente efficace) degli insetticidi, quali soluzioni colturali (ad es. particolari pratiche nutritive delle piante) e biologiche (ad es. somministrazione di ceppi batterici non patogeni). Soluzioni simili sono state proposte anche per il controllo dei vettori (ad es. uso di batteri geneticamente modificati).
Portavoce di queste preoccupazioni si sono fatti diverse organizzazioni salentine di medici, tra cui spicca la sezione leccese della Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori (LILT), che ritiene la “cura” prospettata “di gran lunga peggiore dell’infezione” a causa dei “gravi danni alla salute umana” di cui si renderebbe responsabile. L’Associazione dei Medici per l’Ambiente (ISDE Italia), Medicina Democratica Onlus e il Pesticides Action Network (PAN) Italia condividono le preoccupazioni circa le ricadute per la salute pubblica  che una così massiccia azione di irrorazione con pesticidi comporterebbe sulla popolazione residente e in special modo sulle frange più suscettibili quali bambini, neonati e donne gravide.
Si sottolinea inoltre che il complesso delle misure che si vorrebbero adottare, oltre ad essere praticate in assenza di un quadro completo e chiaro della situazione, potrebbero non dare alcuna garanzia di successo e comporterebbero, al contrario, una ulteriore e grave perturbazione dell’ambiente e di tutte le forme di vita ivi presenti.  Anche esponendo l’ampia fascia di territorio (e la sua popolazione) su cui si intende intervenire ad un capillare intervento di sterilizzazione (disinfestando a tappeto tutta l’area, che comprende: parchi, aree verdi, giardini, ambienti naturali, strade, case, ecc.), non si avrebbe alcuna certezza di eliminare tutti i vettori della malattia, ma si otterrebbe certamente uno sconvolgimento epocale dell’intera rete biologica, che esporrebbe il sistema ambientale ad un danno imprevedibile e la popolazione a rischi elevati ed intollerabili. Si invitano pertanto le Autorità preposte a tenere in seria considerazione quanto qui espresso e a  promuovere nel contempo  la ricerca di soluzioni alternative e sostenibili con la collaborazione multidisciplinare di esperti indipendenti".
Associazione Medici per l'Ambiente (ISDE Italia)            Medicina Democratica Onlus           Pesticide Action Network (PAN Italia)
Arezzo, 7 Aprile 2015

Percomunicazioni:
AssociazioneMedici per l'Ambiente - ISDE Italia
Via della Fioraia, 17/19 - 52100 Arezzo
Tel: 0575-22256 - Fax: 0575-28676
E-mail:  This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it

Last Updated on Monday, 01 February 2016 21:29
 

Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per offrirti un servizio migliore. Per saperne di piu sui cookie che utilizziamo e come eliminarli , vedere la nostra Informativa sui cookies.

Accetto i cookie da questo sito .

EU Cookie Directive Module Information