Home
Consorzio della Quarantina PDF Print E-mail
Written by Administrator   
Wednesday, 23 March 2011 12:49
Il consorzio Chi siamo Rubriche Villaggio e comunità
Tutti i soci Biblioteca silvagricoltura con cippato di ramaglie fresche (BRF).
Statuto e verbali
Cariche e incarichi Coltivatori Galleria fotografica Pentagora
Come ci si iscrive
Autodichiarazioni dei produttori Negozi videoteca_a La Pomona italiana
Varietà tradizionali
Come e dove trovare le patate tradizionali Ristoranti Notiziario del Cosorzio Il Consorzio è cofondatore della Rete Semi Rurali
Esposizione Patate dal mondo
Patate dal mondo - Lista schede e varietà Agriturismi Appuntamenti e corsi I siti dei soci
Posta elettronica
Prossimi eventi Notizie
Al momento non vi sono eventi

    COMUNICATO STAMPA
    Roma, 23 maggio 2017
    Il Futuro della biodiversità è al sicuro solo nelle mani dei contadini

    Pochi giorni fa il permafrost che avvolgeva il caveau che contiene la più grande collezione di sementi per l’alimentazione globale, si è sciolto provocando il movimento di una grande quantità di acqua1. Fortunatamente, l’acqua si è ghiacciata prima di raggiungere la stanza in cui sono conservate le sementi, evitando il disastro.
    Il caveau si trova nelle Isole Svalbard in Norvegia, in cui l’organizzazione internazionale Crop Trust – finanziata dalle più grandi aziende produttrici di sementi come Bayer e Syngenta2 – e il Governo Norvegese hanno scavato dentro il permafrost e ha collocato una camera blindata per tenere al sicuro le sementi. Nonostante questo ergersi come eroi moderni per la salvezza delle generazioni future, lo scioglimento dei ghiacciai dovuto al cambiamento climatico non perdona nessuno, nemmeno le tecnologie più avanzate.
    Un’apocalisse sfiorata che mostra la fragilità dell’attuale sistema di conservazione della biodiversità agricola. La realtà afferma che il posto più sicuro è nelle mani dei contadini: ancora oggi più del 70% del cibo prodotto a livello globale arriva proprio dall’agricoltura contadina, grazie alla biodiversità che essi hanno adattato ai diversi ambienti naturali nel corso della storia. Roberto Schellino, contadino membro di ARI, commenta che “mantenere la varietà delle sementi nelle mani dei contadini è il modo più sicuro per conservare la biodiversità agricola. Per raggiungere questo scopo è necessario assicurare il riconoscimento dei diritti collettivi contadini, come garanzia a sostegno delle pratiche in difesa della biodiversità agricola.
    Per questo motivo Centro Internazionale Crocevia e l’Associazione Rurale Italiana, restano convinti che questo sia l’unico modo per conservare la varietà della nostra alimentazione e la sostenibilità dell’agricoltura per le nostre e future generazioni.

    Firma Presidente ARI Firma Presidente Crocevia
    (Fabrizio Garbarino)  (Mauro Conti)
    Per info e contatti:
    Roberto Schellino (ARI): salerin@libero.it
    Stefano Mori (Crocevia): s.mori@croceviaterra.it

    1 Prima   notizia   apparsa   sul   The   Guardian.   Per   vedere   l’articolo:   https://www.theguardian.com/environment/2017/may/19/arctic-stronghold-of-worlds-seeds-flooded-after-permafrost-melts.
    2 Per vedere la lista di tutti i donatori di Crop Trust: https://www.croptrust.org/about-us/donors/.

    Progetto Rubra Spes

    La Rubra Spes è nuova varietà di patata derivata dalla nostra Quarantina Bianca che Fabrizio Bottari sta selezionando da qualche anno a Villa Rocca.
    Con l'apertura da parte della Regione Liguria della misura del PSR che finanzia attività dimostrative legate a innovazioni di prodotto in campo agricolo, c'è stata l'occasione di inserire la sperimentazione della Rubra e delle sue "sorelle" all'interno di un progetto che, se verrà finanziato, ci darà la possibilità di valutarne meglio le potenzialità produttive e le qualità organolettiche.
    Se ti interessa il progetto sottoscrivi la newsletter.

    Progetto Rubra Spes

     Il Consorzio della Quarantina
    è anche su

    Facebook


    La Via Contadina



    Firma la petizione!

    Stop Gliphosate

     Vietare il glifosato e proteggere le persone e l’ambiente dai pesticidi tossici


    Con la petizione si invita la Commissione europea a proporre agli Stati membri l’introduzione di un divieto di utilizzare glifosato, a riformare la procedura di approvazione dei pesticidi e a fissare obiettivi di riduzione obbligatori al livello dell’UE per quanto riguarda l’uso dei pesticidi.
    Vedi il video
    Firma
     
    Last Updated on Monday, 05 June 2017 20:13
     

    Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per offrirti un servizio migliore. Per saperne di piu sui cookie che utilizziamo e come eliminarli , vedere la nostra Informativa sui cookies.

    Accetto i cookie da questo sito .

    EU Cookie Directive Module Information